Camminare fa bene, ecco l’app che ti premia

Camminare fa bene, ecco l’app che ti premia

Camminare fa bene, ma è anche una duplice opportunità: per chiunque possegga uno smartphone e per il mondo del retail.

Ha realizzato oltre 350mila download nella prima settimana dal lancio su App Store (lo scorso 22 gennaio, mentre da tempo è attiva la versione per Android) WeWard.

Applicazione sviluppata in Francia, che ricompensa gli utenti disposti a collaborare con una serie di “punti”, spendibili buoni acquisto o carte regalo nei negozi online delle catene aderenti all’iniziativa.

Come si collabora?

Essenzialmente accettando di lasciar conteggiare all’applicazione i passi fatti (e dunque di tracciare gli spostamenti) ma anche facendo acquisti sui siti affiliati all’app, partecipando a sondaggi, accettando le sfide proposte oppure sfidando gli amici, guardando video, giocando a videogiochi, o ancora aderendo alle offerte flash del giorno. Insomma, l’utente ottiene benefici e sconti in cambio del proprio engagement.

I punti possono essere usati per fare acquisti nei negozi online di oltre 500 partner (tra cui Zalando, Douglas, Sephora, Nike, Converse, Levi’s, Stradivarius, New Balance, Foot Locker, Decathlon) ma possono anche essere donati alle onlus Onu Femmes France ed Eden Reforestation Projects.

In circa un mese dal lancio, l’applicazione ha ricompensato i propri utilizzatori con due milioni di euro, 60.000 dei quali devoluti in beneficienza.

Attualmente società sta lavorando per poter integrare PayPal nell’app: il servizio sarà disponibile entro la primavera di quest’anno.

Yves Benchimol, Ceo di WeWard, ci spiega meglio qual è il modello di business sottostante e quali campi, oltre al retail, possono sfruttare questo genere di servizi per conquistare e fidelizzare i clienti.